Pietro il fortunato
Pietro il fortunato

Pietro il fortunato

Dal premio Nobel Henrik Pontoppidan, una delle pietre miliari della letteratura danese: Pietro il fortunato, pubblicato a puntate tra il 1898 e il 1904, è un grandioso ritratto del cambiamento sociale e culturale dell’epoca. Tradotto per la prima volta in italiano, oggi colpisce per la sua modernità.

Pietro è figlio di un pastore protestante delle campagne danesi. Fin da bambino sente che la vita di paese lo soffoca e si convince di essere destinato a grandi cose, al successo, alla gloria. Dopo il diploma, si trasferisce a Copenaghen per studiare ingegneria e sviluppa un suo grande progetto tecnico: un’opera idraulica che permetta alla Danimarca di competere con le grandi potenze commerciali europee. Pietro dà così inizio alla sua scalata sociale, frequentando persone sempre più ricche e potenti, scelte in base all’eventuale avanzamento che potrebbero garantirgli: cerca di accattivarsi le simpatie di banchieri, finanzieri e grandi investitori e delle loro graziose figlie in età da marito. Ma per ottenere tutto questo occorrerebbe un atteggiamento dimesso nei confronti dei potenti, una sottomissione che Pietro non ha: vuole fare le cose a modo suo, dettare legge anche tra gli alti papaveri della Borsa, e ogni volta si ritrova al punto di partenza…

Da questo romanzo è stato tratto l’omonimo film Netflix, candidato all’Oscar nel 2018 come miglior film straniero.

«Un narratore purosangue, che scruta le nostre vite e la nostra società così intensamente da collocarsi nella più alta classe di scrittori europei. Giudica i tempi e poi, da vero poeta, ci indica un modo più puro, più onorevole di essere umani».
Thomas Mann


«Pontoppidan governa la provincia delle lettere danesi con un’autorità simile a quella di Lev Tolstoj o di Henry James… Pietro il fortunato è uno dei grandi romanzi sulla modernità, respira l’aria concitata e tempestosa del suo tempo, ma spesso appare sorprendentemente moderno».
«The New York Review of Books»


«Ciò che stupiva i suoi contemporanei di questo romanzo era la sensazione di qualcosa di nuovo, una di quelle scoperte della mente ancora senza nome e forse innominabili che i romanzieri dell’epoca – da Dostoevskij a James – cercavano disperatamente».
«London Review of Books»

Book details

About the author

Henrik Pontoppidan

Figlio di un pastore dello Jutland, nella campagna danese, si trasferì a Copenaghen da giovane e, dopo aver studiato per diventare ingegnere, iniziò a guadagnarsi da vivere come giornalista e scrittore. Rimane noto per i travolgenti romanzi sociali che scrisse tra il 1890 e gli anni Venti. Vinse il premio Nobel per la letteratura nel 1917.

You will also like

EPUB Mobi