Mariti e mogli
Mariti e mogli

Mariti e mogli

Un nuovo romanzo di Ivy Compton-Burnett finora inedito in Italia.
La spietata ritrattista dell’infelicità famoliare tornare con un nuovo magistrale dramma domestico.


Harriet Haslam, grande manipolatrice, madre severa e donna di potere, è il perno attorno a cui ruotano i membri della famiglia: il marito Geoffrey, affettuoso e accomodante, e i quattro figli. Harriet soffre d’insonnia, condizione che non fa che acuire la sua insofferenza. Non è soddisfatta delle scelte dei suoi figli e le critica apertamente: Matthew, il maggiore, preferirebbe darsi alla ricerca invece di iniziare la sua pratica medica; Jermyn ha aspirazioni da poeta; Griselda ha intenzione di sposare il reverendo Bellamy, recentemente divorziato, e Gregory preferisce la compagnia di tre anziane a quella dei coetanei.
Dopo un litigio con Matthew Harriet tenta il suicidio, ma invano. Viene portata in un istituto, dove trascorre sei mesi. Al suo ritorno, Matthew è fidanzato con Camilla, l’ex moglie del reverendo Bellamy, e Griselda sposerà il reverendo. Il tutto è avvenuto con il sostegno (anche economico) di Geoffrey. È troppo: Harriet non ha nessuna intenzione di restare in silenzio, e uno dopo l’altro affronta i membri della famiglia. Nel giro di pochi giorni, viene trovata priva di vita. Si pensa a un suicidio, ma è davvero così?

«Di rado l’infelicità familiare ha trovato una simile voce».
Lara Crinò, «Robinson – la Repubblica»


«Le famiglie infelici e conflittuali di Compton-Burnett sono un vero e proprio genere letterario, un classico reinventato. Un ménage avvelenato che la scrittrice dipinge in modo brillante e umoristico mettendo in scena la partita quotidiana delle relazioni umane».
Cristina Taglietti, «Sette – Corriere della Sera»


«Cercai tutti i suoi romanzi... a un tratto capii che li amavo in modo furioso; che ne avevo gioia e consolazione; vi regnava una chiarezza allucinante, nuda e inesorabile».
Natalia Ginzburg

Book details

About the author

Ivy Compton-Burnett

Scrittrice britannica nata a Londra, sesta di dodici figli di un noto medico omeopata. Una vita familiare infelice le fornì materiale per i venti romanzi che scrisse, tutti di matrice autobiografica e incentrati sul tema del dispotismo familiare. Premiata e apprezzata da autori di grande prestigio, trascorse un’esistenza piuttosto appartata rifuggendo la fama. Fazi Editore ha pubblicato Più donne che uomini nel 2019 e Il capofamiglia nel 2020. Nei suoi diari, Virginia Woolf definiva la propria scrittura «di gran lunga inferiore alla verità amara e alla grande originalità di Miss Compton-Burnett».

You will also like