Maestro delle mie brame Alla ricerca di Federico Caffè
Maestro delle mie brame Alla ricerca di Federico Caffè

Maestro delle mie brame

Alla ricerca di Federico Caffè

Daniele Archibugi è stata la prima persona chiamata dal fratello di Federico Caffè la mattina del 16 aprile 1987. A trentacinque anni da quel giorno, il libro di Archibugi non solo svela per la prima volta i dettagli di questa incredibile vicenda, ma fa emergere quanto gli incoraggiamenti e l’affetto che Caffè ha donato a tutti coloro che l’hanno conosciuto abbiano lasciato un segno indelebile. Una narrazione che fa emergere aspetti inediti della personalità di Federico Caffè, ben al di là dell’immagine ufficiale che si è sedimentata nel corso dei decenni.

Federico Caffè ha laureato miriadi di studenti e formato importanti economisti italiani, come Daniele Archibugi, l’autore di questo libro. Perché una mattina dell’aprile 1987, all’età di settantatré anni, decise di scomparire? Il racconto di Archibugi inizia dalla sua scomparsa ma subito entra nel vivo della sua personalità, del suo carattere, dell’attrazione che esercitava su di lui. L’autore ricostruisce il suo modo di parlare, di insegnare, di scrivere messaggi, di sottrarsi. Esserci e scomparire, voler bene e respingere. Un padre, come lo ricorda Draghi che è stato suo allievo. E proprio su questa parola il libro prende una strada personale e avvincente perché il padre di Daniele, Franco Archibugi, era anche uno dei più cari amici giovanili di Caffè. Una doppia ricerca quella dell’autore, del maestro ma anche una ricerca di sé, della vita di lui e della propria, dell’amicizia tra i due uomini più importanti della sua vita, dell’incontro tra i suoi genitori, della fine del loro matrimonio. Nella ricostruzione a ritroso che parte dalla sua scomparsa, l’autore cerca e ritrova se stesso.

«In queste pagine appassionate, si sente l’atmosfera di quegli anni belli e difficili che Caffè incarnava: la ricerca economica associata sempre a uno scopo sociale, la serietà dello studio, la cultura, ma anche il distacco del professore da un nuovo mondo che incalzava, con cui lui non si sentiva in sintonia. Il Maestro si dedicava completamente ai suoi studenti, creava un legame per la vita, era lo specchio in cui chi cercava se stesso poteva rispecchiarsi».
Cristina Comencini


«Senz’altro un libro interessante, con una prospettiva capovolta e quindi necessaria rispetto al famoso e ormai vecchio libro di Ermanno Rea: la testimonianza da vicinissimo, tutte verità, e il narratore che, insieme al narrato, diventa coprotagonista… La vicinanza, la testimonianza diretta, cauta e coinvolta, è sempre la soluzione letteraria migliore».
Francesco Piccolo

Book details

About the author

Daniele Archibugi

Dirigente del Consiglio Nazionale delle Ricerche e Professor of Innovation, Governance and Public Policy alla Birkbeck, Università di Londra, ha insegnato presso numerosissime università, tra cui Harvard, Cambridge, Napoli, la Sapienza, la Luiss e la London School of Economics. Si occupa di globalizzazione, cambiamento tecnologico e filosofia politica delle relazioni internazionali. Le sue opere sono state pubblicate in diverse lingue.

You will also like

EPUB Mobi

EPUB Mobi