Gatto, tu hai due occhi come me

Gatto, tu hai due occhi come me

In occasione della festa nazionale del gatto, che si celebra il 17 febbraio, Claudio Damiani omaggia i suoi lettori e gli amanti degli animali in genere con una raccolta di 17 poesie ispirate ai suoi gatti. All’interno, vi sono contenute otto poesie già pubblicate in Cieli celesti e nove composizioni inedite.

Il fascino del gatto, da sempre, è legato al suo aspetto misterioso. C’è chi apprezza la loro fisicità, chi la loro calma e chi, come Damiani, ne coglie la natura più magica e filosofica. Il poeta qui tenta di carpire i segreti che si celano dietro gli occhi di questa creatura, per poi arrendersi e constatare che l’unica consolazione consiste nell’osservare attentamente il loro comportamento e provare ad imitarlo, nella speranza di raggiungere un più alto livello di consapevolezza.

«La poesia di Claudio Damiani ha un timbro e una sostanza immediatamente riconoscibili, perché afferra il cuore e perché viene da lontano – dal sempre, direi, se il sempre fosse una categoria letteraria. Una poesia che non divaga e non si distrae in inutili acrobazie stilistiche, che non vuole scandalizzare o sorprendere grattando i nervi, ma che rimane costantemente fedele, persino nella sua metrica, al ritmo profondo dell’esistenza (...) Una grande compassione lega Damiani alle creature del mondo, non c’è bisogno di andare via dalla propria terra, di moltiplicare incontri ed esperienze per scoprire l’evidenza di una legge naturale, tanto crudele quanto ineludibile».
Marco Lodoli

Book details

About the author

Claudio Damiani

È nato nel 1957 a San Giovanni Rotondo. Vive a Rignano Flaminio, nei pressi di Roma. Tra le sue raccolte poetiche ricordiamo Fraturno (Abete, 1987) e Attorno al fuoco (Avagliano, 2006, Premio Mario Luzi, finalista Premio Viareggio). Per la Fazi Editore ha pubblicato La miniera (1997, Premio Metauro), Eroi (2000, Premio Montale) e Poesie, a cura di Marco Lodoli (2010, Premio Laurentum). È stato curatore dei volumi Orazio, Arte poetica, con interventi di autori contemporanei (Fazi, 1995), e Le più belle poesie di Trilussa (Mondadori, 2000).