Read excerpt

La riflessione di Wilhelm Schmid - filosofo tedesco molto noto in patria - parte da una sorta di classificazione delle molteplici modalità con cui questo concetto può e deve essere inteso: dalla felicità nell'accezione di fortuna, quella che ci sorprende quasi casualmente, alla felicità intesa come benessere, ossia vivere in maniera sana e armonica, fino a considerare la felicità come completezza, condizionata però dal suo essere fugace.

Ma per l'autore il vero significato, l'unico che alla lunga non ci procurerà frustrazione, consiste nell'intenderla come accettazione della vita nelle sue polarità negative e positive. Perché - sembrerà strano - in fondo la felicità non è la cosa più importante. Lo è piuttosto andare alla ricerca del senso profondo dell'esistenza. Per farlo, dobbiamo prima ricostruire quella rete di relazioni che oggigiorno tendiamo a trascurare: etiche, sociali, familiari (e anche noi stessi). Solo se troveremo il tempo per lavorare su questi rapporti riusciremo a conquistare una forma più compiuta e appagante del sentimento che siamo soliti chiamare felicità.

Book details

About the author

Wilhelm Schmid

Wilhelm Schmid, filosofo di grande appeal in Germania, insegna all’Università di Erfurt e tiene conferenze di successo in tutta Europa. Ha svolto l’attività di “consulente filosofico” in un ospedale svizzero. Autore di molti bestseller (l’ultimo è Die Liebe neu erfinden, Suhrkamp, 2010), in Italia ha pubblicato Felicità (Fazi, 2010). Nel 2012 è stato insignito del “Meckatzer-Philosophie-Preis” per meriti particolari nella diffusione della filosofia.

You will also like

,

EPUB PDF

EPUB PDF